Le vulnerabilità di Adobe Flash continuano a crescere. È finalmente ora di salutarci?


Le vulnerabilità di Adobe Flash continuano a crescere. È finalmente ora di salutarci?

Questa è senza dubbio una linea familiare da un po 'di tempo ormai: Adobe ha - ancora una volta - rilasciato aggiornamenti di sicurezza per il proprio Flash Player affrontando le vulnerabilità critiche che potrebbero consentire agli aggressori di ottenere il controllo di un sistema interessato. Adobe ha rilasciato un bollettino sulla sicurezza l'11 aprile 2017, informando gli utenti che sono state corrette sette vulnerabilità. Gli aggiornamenti regolari non sorprendono quando si tratta di software, ma la costante necessità di correggere i difetti di sicurezza di Adobe Flash Player non ispira fiducia.

L'ultimo bollettino sulla sicurezza elenca sette vulnerabilità e tutte, se non risolte, portano all'esecuzione di codice. Quattro erano vulnerabilità user-after-free mentre le altre tre erano vulnerabilità di danneggiamento della memoria. I difetti sono stati segnalati dai team che lavorano su Google Project Zero e Zero Day Initiative di Trend Micro.

Patrocinio continuato

La risoluzione dei problemi è stata purtroppo all'ordine del giorno per Adobe per il suo Flash Player, ma nonostante le numerose richieste di cessare la sua esistenza, l'azienda continua a investire in esso. Anche il sito web di grandi aziende si affida ancora a Flash per la distribuzione dei contenuti. Questo è il caso nonostante le numerose volte che Adobe ha avuto bisogno di risolvere i problemi di sicurezza.

Ma Flash Player non è solo una vulnerabilità di sicurezza su tutte le principali piattaforme, è piuttosto avido anche quando si tratta di risorse. Questo è un problema perché i produttori stanno cercando di creare dispositivi che non siano solo più sottili ma che abbiano una lunga durata della batteria.

Dati questi problemi, si pone la domanda: perché Flash esiste ancora? A dire il vero, è più difficile per i siti Web più grandi passare rapidamente a una tecnologia più recente e più stabile. HTML5 potrebbe guadagnare terreno come alternativa di scelta, ma alcuni siti e servizi richiedono ancora un po 'di tempo per creare nuovi strumenti.

HTML5 è disponibile da molto tempo, perché non hanno iniziato a migrare allora? Questa è una domanda completamente valida, ma all'epoca HTML5 era una tecnologia emergente. Anche se le aziende di grandi nomi volessero fare il cambiamento, ci sarebbero ancora dei limiti, a differenza di Flash che ha dimostrato di funzionare su piattaforme per anni.

Declino e caduta lenta

Ora che Chrome ha ufficialmente disabilitato Flash e altri grandi nomi come YouTube possono riprodurre video senza bisogno di Flash, è giunto il momento di dire finalmente addio? Non proprio. Tuttavia, la buona notizia è all'orizzonte per il movimento Occupy Flash: c'è stato un calo nel numero di siti web che dipendono da Flash. W3Techs, una società di metriche di tecnologia web, ha rivelato che l'utilizzo di Flash su tutti i siti Web diminuisce di una percentuale ogni sei mesi.

Adobe Flash Player è stato, senza dubbio, una delle cose migliori per colpire Internet. Ha permesso alle persone di godersi video stupidi e altri tipi di contenuti divertenti, ma il suo tempo è ormai passato da tempo. La stessa Adobe ha ammesso apertamente che HTML5 è il futuro e anche gli ex client di Flash Player stanno facendo la mossa. Ma fino a quando tutti i siti Web non faranno il salto e migreranno a HTML5, Flash continuerà a esistere. Poi di nuovo, questo richiederebbe un po 'di tempo perché il cambiamento non è mai facile.

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.