Pubblicità

Android P è arrivato e sta apportando grandi cambiamenti


Android P è arrivato e sta apportando grandi cambiamenti

Al Google I / O abbiamo finalmente avuto modo di saperne di più Android P. Con tonnellate di speculazioni in circolazione su Internet, questo era il momento giusto per ottenere lo scoop ufficiale. Oggi parleremo delle funzionalità di Android P. Discuteremo anche di alcuni dei telefoni che saranno i primi a ottenere il grande aggiornamento e di una partnership specifica di cui Google fa parte. Sintonizzati per saperne di più.

Qualcomm collabora con Google

Qualcomm ha annunciato di aver lavorato direttamente con alcuni sviluppatori di Google per essere certo che i loro chip mobili Qualcomm Snapdragon saranno compatibili con l'aggiornamento di Android P. Il loro obiettivo principale è garantire che i loro componenti hardware supportino i progressi della tecnologia per garantire che gli utenti ottengano una delle migliori esperienze possibili. I chip in questione sono Snapdragon 845, 660 e 636.

Telefoni per ottenere il primo aggiornamento

No, questo non è niente di ufficiale, ma poiché Qualcomm ha dichiarato i chip che avrebbero ricevuto questo aggiornamento, abbiamo iniziato a pensare ai telefoni che hanno questi chipset. Abbiamo creato un piccolo elenco di telefoni che sarebbero i primi a ottenere l'aggiornamento ad Android P 9.0 e sono: Xiaomi Mi Mix 2S, Essential PH-1, Oppo R 15 pro, Nokia 7 Plus, Sony Xperia XZ2 e Vivo X21, OnePlus 6 (dopo essere stato rilasciato) e Pixel XL e Pixel 2 e 2XL di Google. Quindi, se possiedi uno di questi telefoni o desideri acquistarli al momento del lancio (nel caso di OnePlus 6), sarai tra le prime persone a provare in prima persona Android P.

Naturalmente, anche altri telefoni riceveranno l'aggiornamento dopo un po ', ma i telefoni che abbiamo appena menzionato saranno i primi.

Il programma di avvio Pixel senza root è già disponibile

Se non possiedi uno dei dispositivi che riceverai Android P beta, quindi gli sviluppatori XDA hanno qualcosa che sarebbe simile. Il Rootless Pixel 2 Launcher funzionerà con Android P) Nougat e versioni successive, ma alcune delle funzionalità funzioneranno solo con Oreo. Ora, se volessi saperne di più sulle differenze tra i due, ti diremmo che non c'è molto da vedere. Il lanciatore di azioni di Google si è concentrato maggiormente sugli aggiornamenti riguardanti l'IA e le ottimizzazioni. Inoltre, alcune delle funzionalità che sono state implementate da Android P non possono essere emulate nella stessa misura da un launcher.

Visualizzazione tacca

Uno dei più grandi aggiornamenti che le persone erano entusiaste di vedere messo in pratica è stata la funzione Notch Support. Se odi il design della tacca superiore, puoi andare in Impostazioni e selezionare un'opzione che farà diventare nera parte dello schermo superiore, "cancellando" quella tacca superiore e dando al tuo telefono un display più tradizionale. In alcuni casi forse ti piace quel primato, ma si intromette quando provi a giocare a un gioco sul tuo telefono o guardi un video, motivo per cui potresti voler "disabilitare".

Introduzione del supporto per l'utilizzo delle app

Sei una di queste persone che entra su Instagram, Twitter, Facebook o anche YouTube con il pensiero che guarderanno solo 2 o 3 video o post ma poi sono passate 2 ore e non hai fatto altro? Bene, Android P ha una funzionalità che può rompere questo modello di dipendenza. Ora è disponibile una nuova dashboard che ti consente di scegliere il tempo che desideri trascorrere utilizzando un'app. Dopo aver impostato il limite di tempo, puoi andare sull'app e usarlo. Allo scadere del tempo l'icona dell'app diventerà grigia e se provi ad utilizzare il software non te lo permetterà.

Quindi questa è la caratteristica migliore là fuori è che sei un dipendente dai social media e stai cercando di trovare un modo per spezzare la maledizione del male. Google ti ha riportato con Android P e riteniamo che questa funzione verrà utilizzata da molte persone.

Rinnovo della luminosità

Non molti telefoni hanno questa funzione, ma riteniamo che dovrebbero essere di più. La luminosità AI adattiva si riferisce al processo in cui lo schermo del telefono diventa più luminoso o più scuro a seconda dell'ora del giorno. Questo non ti aiuta solo quando cerchi qualcosa nel bel mezzo di una giornata di sole e lo schermo è quasi nero come la pece, ma aiuta anche di notte non stressando i tuoi occhi. Android P sta riportando in vita questa funzione. Lo avevamo già visto in azione con lo Zenfone 5 2018, quindi siamo più che entusiasti di vederlo tornare.

Cursori del volume

Un'altra nuova funzionalità è quella dei cursori del volume. In poche parole, ora hai la possibilità di attivare o disattivare le chiamate per squillare, disattivare l'audio o persino vibrare. Se usi molto il Bluetooth, connetterti ad esso tramite Android P sarà una passeggiata poiché il sistema operativo lo rende incredibilmente facile.

Complessivamente, Android P è arrivato con una serie di nuove funzionalità che possiamo vedere e utilizzare quotidianamente. Sarà interessante vedere quali altre funzionalità verranno aggiunte con un altro aggiornamento in futuro.

Pubblicità

Pubblicità

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.

Pubblicità