La nuova API BiometricPrompt di Android P apporta nuovi miglioramenti


La nuova API BiometricPrompt di Android P apporta nuovi miglioramenti

Google è una delle più grandi aziende al mondo ed è coinvolta in tutto ciò che riguarda la tecnologia, a partire dal software e termina con gli smartphone. Tuttavia, le cose per cui Google è maggiormente noto sono il famoso motore di ricerca e il sistema operativo Android mobile. Quasi tutti gli smartphone funzionano con il sistema operativo Android di Google e c'è una buona ragione dietro questo.

Prendi ad esempio l'ultimo Android 8.1 Oreo di Google che viene fornito con una miriade di funzionalità e misure di sicurezza complesse che garantiscono che gli utenti non dovranno mai preoccuparsi del furto dei propri dati. Tuttavia, Google sta attualmente lavorando su un nuovo sistema operativo noto come Android P e notizie recenti mostrano che sarà caratterizzato da una nuova API BiometricPrompt.

Android P

Anche se la data di rilascio ufficiale per Android P è ancora sconosciuta, la versione pubblica del sistema operativo è già attiva. Ecco come lo sappiamo Google ha installato una nuova API BiometricPrompt che richiede un tasso di accettazione dello spoofing combinato del 7%, noto semplicemente come SAR e IAR (tasso di accettazione dell'impostore).

Il motivo per cui la nuova API BiometricPrompt richiede SAR e IAR è essere in grado di distinguere tra smartphone che dispongono di biometria forte o debole. Pertanto, Android P non supporterà dati biometrici deboli.

API BiometricPrompt

La gente del sviluppatori Android ufficiali sito web affermano che uno smartphone con una debole biometria dovrà visualizzare i rischi di avvertimento. Non solo, ma a questi smartphone non sarà consentito autenticare pagamenti e altri tipi di transazioni che richiedono una chiave associata all'autenticazione KeyStore.

Google applica una forte biometria

A quanto pare, Google chiede ai fan di Android di acquistare smartphone con una forte biometria. Il motivo per cui Google lo sta facendo è abbastanza semplice, il genitore Android vuole assicurarsi che nessun hacker o malware sia in grado di violare il suo sistema operativo.

Tuttavia, non tutti possono permettersi uno smartphone premium e Google lo sa fin troppo bene. Pertanto, Android P rimarrà sbloccato per 4 ore su uno smartphone con dati biometrici deboli e quindi costringerà gli utenti a selezionare un metodo di sblocco diverso come una password, un PIN o una sequenza dello schermo.

“La biometria ha il potenziale per semplificare e rafforzare il modo in cui autentichiamo la nostra identità digitale, ma solo se progettata in modo sicuro, misurata accuratamente. Vogliamo che Android lo trasmetta a tutti e tre. Quindi stiamo combinando principi di progettazione sicura, una metodologia di misurazione più consapevole degli aggressori e un'API biometrica comune e facile da usare che consente agli sviluppatori di integrare l'autenticazione in modo semplice, coerente e sicuro ". Ha detto l'ingegnere di sicurezza Android Vishwath Mohan.

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.