Pubblicità

Novità di Android P - OnePlus 6 per ottenere Always On Display e altro ancora


Novità di Android P - OnePlus 6 per ottenere Always On Display e altro ancora

Purtroppo abbastanza, il primo OnePlus 6 l'aggiornamento ci ha portato via dalla tanto amata funzione di visualizzazione Always-On. E poiché questa funzione è scomparsa, le persone hanno aspettato di scoprire il momento in cui tornerà. Abbiamo una fonte molto affidabile che suggerisce che questa funzione di visualizzazione tornerà molto presto, ma non nel modo in cui ci aspettiamo.

E poiché il focus di questo articolo sarà incentrato sulla relazione tra OnePlus 6 e l'ultimo sistema operativo Android P di Google, vorremmo anche menzionare brevemente alcune delle nostre funzionalità preferite di questo sistema operativo. Vogliamo anche ricordarti l'elenco ipotizzato di telefoni che saranno i primi a ottenere l'ufficialità Android P l'aggiornamento.

Funzione Always-On per tornare

È tempo di menzionare la fonte che ha suggerito che questa funzionalità tornerà molto presto. Se pensavi che sarebbe stato un blog affidabile o un account Twitter o Reddit, ti sei sbagliato. Questa informazione è arrivata direttamente dalla bocca di un OnePlus dipendente. Ha detto che questa funzione potrebbe essere aggiunta con Android P beta. Ciò implicava che i possessori di OnePlus 6 sarebbero stati in grado di godere di questa funzione, ma solo quando verrà rilasciata la versione stabile di Android P. E quando accadrà esattamente? Ebbene, è stato stimato approssimativamente che questo autunno avremo finalmente tra le mani la versione ufficiale di Android P.

Quindi, possessori di OnePlus 6, dovrai aspettare fino all'uscita di Android 9.0 poiché questa funzione di visualizzazione non verrà fornita con alcune piccole patch di sicurezza o software nel frattempo. Il prossimo aggiornamento a breve termine del sistema operativo si concentrerà su un breve elenco di cose. Tra questi possiamo contare la mancanza di una modalità ritratto selfie, nessuna funzione DND, risoluzione dei problemi di messa a fuoco automatica e cancellazione dei tre punti casuali che compaiono accanto alla barra Wi-Fi. Gli utenti si sono lamentati del fatto che il suono della chiamata sembra scomparire quando passano all'altoparlante, quindi anche questo problema dovrà essere affrontato. Ultimo ma non meno importante, c'è un problema con una sovrapposizione di tacche da alcune app con OnePlus 6 e il fatto che non è disponibile alcuna opzione di percentuale della batteria.

Telefoni per ottenere Android P

Da quando Google ha svelato il loro prossimo Android P sistema operativo alla conferenza I / O di recente, le persone sono state molto ansiose di scoprire quali smartphone sarebbero stati i primi a ottenere questo aggiornamento una volta che il sistema operativo fosse stabile e nella sua forma finale. La prima ipotesi evidente e naturale è stata la linea di smartphone Pixel e quella Nexus. Ora, alcuni ipotizzano che l'elenco includerà alcuni smartphone Samsung top di gamma e siamo qui per dirti quali dovrebbero fare il salto.

L'elenco include Galaxy S9 e S9 +, S8 e S8 +, S7, S7 Edge e S7 Active e Note 8. Altri smartphone che probabilmente riceveranno l'aggiornamento sono A8 e A8 +, C9 Pro, J7 Pro, C7 Pro e A6, A6 + e J6 che sono usciti tutti quest'anno. I telefoni di fascia alta sulla lista erano un'ipotesi ovvia, ma il fatto che Samsung potesse rilasciare Android P per telefoni di fascia media più come A6, A6 + e J6 è una vista gradita.

Le nostre cose preferite su Android P

Dato che siamo arrivati ​​a questo punto dell'articolo, penso che sia il momento giusto per menzionare alcune delle cose di cui ci siamo innamorati quando si tratta di Android P. La prima cosa, che sarà un vero toccasana per la maggior parte, è il opzione di supporto della tacca. Poiché sempre più marchi Android hanno deciso di prendere in prestito il design di Apple e incorporarlo nei loro telefoni di punta, questa funzione tornerà utile per quelli di noi che non sopportano il display curvo attorno alla tacca, preferendo un aspetto più elegante.

Un'altra cosa che già amiamo è la funzione App Time limit. In poche parole, aiuterà a frenare alcune dipendenze da app impostando un timer in cui l'utente sceglie quanto tempo vuole trascorrere una giornata sull'app. Quando il tempo è scaduto, l'app è grigia e l'utente non può aprirla.

Un problema di sicurezza che Android P risolverà sta tagliando l'accesso a microfono e fotocamera per le app che vengono eseguite in background. Non una grande preoccupazione per la maggior parte degli utenti, ma una violazione della sicurezza che doveva essere risolta il prima possibile. Android P è disponibile anche per aiutare gli sviluppatori offrendo supporto per Multi-Camera API. Ciò implica che (dal momento che sempre più smartphone ora sono dotati di doppia fotocamera sul retro) gli sviluppatori saranno in grado di incorporare questa funzione e consentire alle loro app di utilizzare queste doppie fotocamere (se necessario).

Pubblicità

Pubblicità

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.

Pubblicità