Pubblicità

Apple consente la condivisione delle informazioni personali degli utenti nonostante affermi che non lo fanno


Apple consente la condivisione delle informazioni personali degli utenti nonostante affermi che non lo fanno

Apple potrebbe trovarsi in una situazione simile a quella che Google e Facebook hanno affrontato di recente per problemi di privacy degli utenti. Sebbene la società abbia affermato di non condividere i dati degli utenti raccolti tramite le app, un nuovo rapporto del Washington Post ha dichiarato il contrario.

Tutte le app che si eseguono su iPhone e iPads utilizzare una funzionalità chiamata Aggiornamento app in background che consente agli sviluppatori di mantenere l'app funzionante, trovare nuovi aggiornamenti e anche aggiornare il contenuto all'interno per mantenerlo aggiornato. Sebbene l'idea sia quella di rendere le app più utili, è stato riferito che gli sviluppatori hanno abusato di questa funzione per condividere le informazioni personali degli utenti con le aziende che li monitorano.

Le informazioni personali di un gran numero di utenti che utilizzano dispositivi iOS vengono condivise con società di terze parti ma, senza avvisare gli utenti che ciò viene fatto. Apple si è sempre proiettata come etica per quanto riguarda i dati dei clienti. Mentre uno dei più grandi marchi al mondo, Facebook, ha dovuto affrontare un enorme contraccolpo per aver fatto trapelare milioni di dati degli utenti, Apple si è promossa come un'azienda che non ha mai condiviso nulla del cliente archiviato nei propri iPhone.

Apple iPhone XI

L'hacking nei telefoni e l'acquisizione dei dati degli utenti non sono più considerati una minaccia poiché le aziende condividono già illegalmente informazioni alle spalle, di cui la maggior parte degli utenti non è a conoscenza. Le app di terze parti hanno sempre rappresentato una grande minaccia per iOS e Android per tutta la loro esistenza. Gli sviluppatori di app spesso abusano della capacità di elaborazione dello smartphone eseguendo sottilmente app di mining, che condividono le informazioni raccolte da un telefono, incluso il suo modello, i conti bancari che si possono avere e molti altri dettagli.

Sebbene le informazioni sensibili come le password restino protette sul file iPhone, la distribuzione dei dati degli utenti, a lungo termine, può causare molti problemi di privacy. Secondo il rapporto, le persone si sono lamentate del fatto che diverse società denominate Appboy, Demdex e Amplitude hanno ottenuto l'accesso ai numeri di telefono degli utenti, all'indirizzo e-mail e persino alla loro impronta digitale che può essere utilizzata contro di loro. Apple deve stare molto attenta a ciò che viene condiviso.

Le informazioni disponibili per le società di terze parti potrebbero non rappresentare immediatamente una minaccia poiché sono sotto contratto e Apple fornisce molte di queste informazioni nei loro termini e condizioni. Tuttavia, a lungo termine, quando accumulano grandi quantità di dati, inclusi i dettagli di contatto degli utenti e persino informazioni sensibili come le impronte digitali, potrebbe portare a una massiccia violazione dei dati. Se solo Apple lavorasse sulla revisione dei termini ed evitasse la condivisione di informazioni da parte di terzi, creerebbe un ambiente più sicuro per gli utenti iOS.

Pubblicità

Pubblicità

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.

Pubblicità