IOS 14.5 di Apple per reindirizzare il traffico sulla navigazione sicura di Google per garantire il rafforzamento della privacy degli utenti


IOS 14.5 di Apple per reindirizzare il traffico sulla navigazione sicura di Google per garantire il rafforzamento della privacy degli utenti

Di recente, Apple ha emesso una conferma in merito alla nuova versione beta di iOS 14 inoltrando richieste di Navigazione sicura di Google tramite server di proprietà e controllati da Apple. Ciò è stato fatto per impedire che i dati forniti dagli utenti vengano rispediti a Google.

Qualche tempo fa, Apple aveva dichiarato che il browser Safari, di cui è proprietaria, potrebbe optare per la funzione Navigazione sicura di Google per scoprire se un sito Web è autentico o indulge in pratiche fraudolente. Ora Apple ha annunciato che reindirizzerà le richieste di Navigazione sicura di Google tramite server proxy di cui è proprietaria. Ciò entrerà in vigore con il lancio di iOS 14.5. Questo viene implementato con l'obiettivo principale di controllare la quantità di dati utente a cui Google può avere accesso.

Secondo un rapporto di 8 bit, anche prima che un individuo visiti un sito Web, Apple invia una versione codificata dell'URL del sito Web a Navigazione sicura di Google. Le informazioni inviate da Apple vengono utilizzate per verificare se il sito che un utente sta visitando in un determinato momento è uno dei "siti fraudolenti" elencati da Google.

Dopo il lancio di iOS 14.5, Apple punta a portare avanti il ​​suo piano in questa direzione. Secondo il sistema precedente, Google aveva accesso agli indirizzi IP dei suoi utenti. Ora, Apple trasmetterebbe le richieste dei suoi utenti tramite i propri server interni. In questo modo, riuscirebbe a tutelare le informazioni relative all'origine della richiesta e ad adoperarsi più attivamente per tutelare la privacy dei propri utenti.

Maciej Stachowiak, che dirige WebKit in Apple, ha confermato che la storia pubblicata da The 8-Bit è davvero vera. Riconoscere questo sviluppo ha sicuramente funzionato a favore del gigante tecnologico globale in quanto assicura ulteriormente ai suoi utenti che è serio nei suoi sforzi per proteggere la privacy delle informazioni e dei dati condivisi da loro.

Va notato che la semplice inclusione di una nuova funzionalità in un sistema operativo non garantisce che otterrà una versione pubblica. Detto questo, il fatto che al momento sia in fase di beta test fornisce un'indicazione degli utenti che si imbattono in questa funzione nel prossimo iOS 14. Il processo di reindirizzamento avverrà automaticamente ma gli utenti avranno la possibilità di disattivare l'avviso sistema, come e quando ne hanno voglia.

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.