Pubblicità

Dan Houser lascia Rockstar sollevando domande sulla versione di GTA 6


Dan Houser lascia Rockstar sollevando domande sulla versione di GTA 6

Fino alla scorsa settimana, c'erano voci sulla data di uscita della prossima versione del popolare videogioco Grand Theft Auto, GTA. GTA 6 è previsto per il rilascio poiché GTA 5 è stato lanciato ben sette anni fa. Tuttavia, il gioco è stato nelle notizie oggi come uno dei co-fondatori di Rockstar e un contributore chiave alla maggior parte dei loro successi, Dan Houser sta lasciando l'azienda. Il fratello di Dan, Sam Houser, continua ad essere il CEO di Rockstar.

Un'associazione lunga due decenni

L'allontanamento di Dan Houser dalla scena si farà sicuramente sentire in Rockstar poiché è stato parte integrante di ogni gioco Rockstar ha prodotto e pubblicato anche i più popolari come GTA 5 e Red Dead Redemption 2. Questi giochi hanno raggiunto uno status leggendario e Dan Houser è stato il produttore esecutivo di tutti loro. Era anche lo scrittore principale. In alcune occasioni aveva prestato la sua voce in alcuni giochi.

Le azioni di Take-Two Interactive, la società madre proprietaria di Rockstar, hanno già subito un duro colpo a seguito di questa rivelazione del suo smettere.

GTA 6

Motivo per cui Dan ha smesso non noto

È molto raro che i fondatori abbandonino le proprie imprese. Generalmente ne sono appassionati. Possono esserci situazioni in cui l'attività è in perdita o l'attività non cresce. L'abbandono potrebbe anche essere dovuto ad alcune differenze sviluppatesi tra i fondatori. Niente del genere sembra essere stato il caso qui.

Non si può negare che Dan Houser fosse stato in vacanza per alcuni mesi dopo l'uscita di Red Dead Redemption 2 partita l'anno scorso. Non si sa nemmeno cosa ha intenzione di fare dopo.

Se si dovesse cercare qualche oscuro motivo, l'unico che emerge è una dichiarazione discutibile attribuita a Dan Houser che ha messo in 100 ore a settimana in Rockstar prima del rilascio di RDR 2. Questo è stato interpretato per trasmettere che lo staff dell'azienda erano oberati di lavoro e sfruttati. Sebbene in seguito siano stati rilasciati alcuni chiarimenti che si riferivano solo a pochi scrittori senior, le autorità avrebbero voluto andare fino in fondo alla questione.

Resta da vedere come l'azienda procederà senza il personale chiave e come affronterà l'importante sviluppo di quest'anno quando avverrà il lancio delle prossime versioni di console di gioco, PlayStation di Sony e Xbox One di Microsoft.

Pubblicità

Pubblicità

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.

Pubblicità