Google Clean Up: un importante passo avanti


Google Clean Up: un importante passo avanti

Secondo le ultime notizie, Google sta pianificando di introdurre un blocco degli annunci in Chrome nel 2018 e stanno avvertendo gli editori di prepararsi per questo grande passo. L'avvertimento ha l'intenzione di consentire ai siti web di valutare i propri annunci e di eliminarne quelli dannosi. Ciò accade perché il blocco degli annunci che Chrome intende implementare non può bloccare tutti i tipi di annunci disponibili online. Invece di questo, potrà bloccare gli annunci sulle pagine che sono state segnalate per avere un eccesso di quelli fastidiosi e invadenti, come video autoplay con suoni o interstitial che coprono i contenuti.

Un importante passo avanti

Secondo Sridhar Ramaswamy, responsabile degli annunci di Google, anche gli annunci di Google verranno bloccati, se la pagina in cui si trovano non soddisfa i criteri di Chrome, come ha spiegato in un post sul blog. Allo stesso tempo, il Wall Street Journal riporta che Google si riferisce alla funzione imminente come un "filtro degli annunci" e non un "blocco degli annunci". Ciò accade perché consentirà comunque la visualizzazione di annunci su pagine che soddisfano gli standard in vigore. Il blocco è disponibile anche su desktop e dispositivi mobili.

In quanto tale, Google offre uno strumento che gli editori possono utilizzare per scoprire se gli annunci che pubblicano sui loro siti web violano i requisiti e verranno bloccati per il browser Chrome. L'autorità che determina se un annuncio è appropriato o meno è la Coalition for Better Ads, composta da Facebook, Google, News Corp e The Washington Post.

Tuttavia, la funzione è ancora un po 'controversa, dal momento che ci sono davvero enormi vantaggi per editori e consumatori, ma ancora una volta offre a Google più potere sul Web in generale.

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.