Pubblicità

Momento storico: SpaceX è riuscito a far atterrare un razzo su una piattaforma galleggiante


Momento storico: SpaceX è riuscito a far atterrare un razzo su una piattaforma galleggiante

Dopo diversi tentativi falliti, SpaceX, la compagnia fondata dal miliardario Elon Musk, è riuscita a recuperare una quota significativa da un razzo che veniva utilizzato per consegnare rifornimenti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), da riutilizzare.

La compagnia ha ripreso i voli per la STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE venerdì scorso dopo che un razzo è esploso dopo il decollo dello scorso anno.

Il recupero della sommità di un razzo è visto come un risultato straordinario perché riduce sostanzialmente i costi dell'esplorazione spaziale. Ad esempio, prima di ogni missione, il razzo della NASA, lo Space Shuttle, ora rimosso dall'uso, richiede investimenti di centinaia di milioni di dollari.

Elon Musk spera che il componente più importante del razzo Falcon 9, il primo stadio, recuperato venerdì, possa essere riutilizzato in circa due mesi.

Di solito, il primo stadio di un razzo viene scartato nell'oceano dopo che il carburante è esaurito e ha completato la sua missione. Il momento in cui il primo stadio del razzo SpaceX è atterrato su una piattaforma sul mare, nove minuti dopo il decollo, è stato visto in diretta da 80.000 persone. Nella sede della società aerospaziale, vicino a Los Angeles, i dipendenti hanno applaudito freneticamente a questo risultato.

"Apri l'immaginazione a ciò che è possibile", ha scritto su Twitter il cosmonauta canadese Chris Hadfield dopo il riuscito sbarco.

L'obiettivo finale di Elon Musk e SpaceX è la colonizzazione di Marte. Entro il 2016, la compagnia invierà il primo equipaggio umano a bordo della STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE, il primo dal 2011, dal ritiro della navetta spaziale della NASA.

Pubblicità

Pubblicità

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.

Pubblicità