Yahoo afferma che tutti gli account 3B sono stati hackerati nel 2013


Yahoo afferma che tutti gli account 3B sono stati hackerati nel 2013

La principale violazione dei dati in Yahoo avvenuta nel 2013 non ha interessato 1 miliardo di account come si era detto in precedenza. La società madre di Yahoo, Verizon, ha annunciato martedì che la violazione ha effettivamente colpito tutti i 3 miliardi di account.

Vedi anche: iPhone 8 e iPhone 8 Plus sono ora disponibili

La massiccia violazione della sicurezza di Yahoo è già nota come la più grande violazione dei dati di sempre. L'anno scorso, è stato rivelato che la violazione ha colpito 1 miliardo di account. Ma, martedì, la società ha annunciato che la violazione ha interessato non 1, ma 3 miliardi di account. In altre parole, tutti gli account sono stati colpiti dalla violazione del 2013.

La società ha affermato di aver inviato e-mail per avvisare gli account aggiuntivi interessati dalla violazione.

"Yahoo sta fornendo una notifica ad altri account utente interessati da un furto di dati utente nell'agosto 2013 annunciato in precedenza dalla società nel dicembre 2016. Questo non è un nuovo problema di sicurezza. Nel 2016, Yahoo in precedenza ha intrapreso azioni per proteggere tutti gli account utente. ", It si legge nella pagina delle domande frequenti sull'aggiornamento della sicurezza dell'account Yahoo 2013.

Gli hacker hanno rubato varie informazioni, inclusi nomi, indirizzi e-mail, numeri di telefono, ecc. Tuttavia, le password, i dati delle carte e le informazioni bancarie non sono state rubate.

Yahoo è stata acquisita da Verizon e fusa con AOL e ora fa parte di Oath. Verizon ha acquisito Yahoo per $ 4.5 miliardi, $ 350 milioni in meno rispetto all'offerta iniziale a causa della violazione dei dati.

La società afferma che durante l'integrazione ha ottenuto nuove informazioni e ora ritiene che tutti gli account utente di Yahoo siano stati colpiti dal furto del 2013.

"Verizon si impegna a rispettare i più elevati standard di responsabilità e trasparenza e lavoriamo in modo proattivo per garantire la sicurezza e la protezione dei nostri utenti e reti in un panorama in evoluzione di minacce online", ha affermato Chandra McMahon, Chief Information Security Officer, Verizon. in un post sul blog.

"Il nostro investimento in Yahoo consente a quel team di continuare a compiere passi significativi per migliorare la propria sicurezza, oltre a trarre vantaggio dall'esperienza e dalle risorse di Verizon", ha aggiunto.

Ottieni più cose come questa
nella tua casella di posta

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi prodotti e aggiornamenti interessanti nella tua casella di posta elettronica.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.